Il ghetto di Cracovia

Il Ghetto ebraico a Cracovia, fondato nel 1941 nel distretto di Cracovia di Podgórze, fu uno dei cinque più grandi ghetti creati dai nazisti nel governo generale durante la seconda guerra mondiale. Prima della guerra, Cracovia aveva una popolazione ebraica di 60.000 a 80.000, e circa 17.000 di loro entrò nel ghetto.

Scarica qui la guida completa di Cracovia dove in più di 400 pagine troverai soluzioni per tutte le tasche, mappe, itinerari, monumenti, ristoranti, alloggi, natura e molto altro al prezzo di un panino.

Storia

La persecuzione degli ebrei iniziò poco dopo l’inizio dell’occupazione tedesca, nel settembre 1939. Gli ebrei furono costretti a partecipare ai lavori forzati (settembre 1939), ad indossare bande di identificazione (novembre 1939), le sinagoghe di Cracovia furono chiuse, e requisiti i beni mobili e immobili appartenenti agli ebrei di Cracovia.

Fino al maggio 1940, le autorità di occupazione tedesche ordinarono la deportazione degli ebrei dalla città di Cracovia. Dei circa 68 mila ebrei ne restano solo circa 15 mila.

Il Ghetto di Cracovia fu istituito il 3 marzo 1941 per ordine del governatore del distretto di Cracovia, il Dr. Otto Wächter e il giorno della chiusura era previsto per il 21 marzo. Il ghetto fu fondato nel distretto di Podgórze, che originariamente era abitato da 3 mila persone, su una superficie di circa 20 ettari. Il quartiere era circondato da filo spinato e, in aprile iniziò la costruzione di un alto muro intorno al ghetto con forme in cima semicircolari che ricordavano la forma delle lapidi ebraiche – matzevot. Un frammento del muro del ghetto è stato conservato fino ad oggi, in ul. Lwowska dove ora c’è affissa anche una targa commemorativa. Quattro porte conducevano al ghetto: due a Plac Zgody (ora Plac Bohaterów Getta), alla fine di ul. Lwowska, proprio accanto a ul. Limanowskiego e all’uscita di ul. Limanowskiego alla piazza del mercato di Podgórze. Le porte del ghetto erano pesantemente sorvegliate dalla polizia militare tedesca e dalla cosiddetta polizia polacca. Le finestre che si affacciavano sul lato “ariano” furono murate. Gli abitanti del ghetto fin dall’inizio soffrirono di enormi sovraffollamenti, dove in precedenza vivevano 3 mila persone, improvvisamente ne furono ammassate 16mila. La superficie per una singola persona era di soli 2 m².

Scarica qui la guida completa di Cracovia dove in più di 400 pagine troverai soluzioni per tutte le tasche, mappe, itinerari, monumenti, ristoranti, alloggi, natura e molto altro al prezzo di un panino.

I Tram nel ghetto di Cracovia

Due linee di tram “ariane” attraversavano il ghetto (in grassetto è segnato il loro percorso nel ghetto):

Luoghi storici contemporanei nel ghetto

Museo della Farmacia Sotto l’Aquila (Apteka Pod Orłem)

Era l’unica farmacia nel ghetto di Cracovia a Podgórze durante l’occupazione nazista di Cracovia. Fu gestita da Tadeusz Pankiewicz, l’unico polacco che visse nel ghetto, dall’inizio alla fine della sua fondazione. La farmacia era un posto cospirativo per il cibo, l’aiuto e il contatto per gli ebrei che vivevano nel ghetto.
Dopo che i tedeschi stabilirono il ghetto per gli ebrei a Podgórze, la farmacia Pankiewicz si ritrovò all’interno delle sue mura, proprio in centro. Grazie agli sforzi di Tadeusz Pankiewicz, le autorità tedesche accettarono il funzionamento della farmacia “ariana” nel ghetto. Su ordine delle autorità tedesche, la farmacia Pod Orłem, l’unica del ghetto, era aperta 24 ore al giorno.

Durante l’esistenza del ghetto (1941-1943), la farmacia fu un posto speciale….

Nel 2010, il Museo storico della città di Cracovia ha incluso la farmacia “Sotto l’aquila” nel  Percorso della Memoria. Questo percorso si compone di tre luoghi, tutti e tre filiali del Museo della Storia di Cracovia: la fabbrica di Schindler, le ex prigioni della Gestapo in ul. Pomorska e la farmacia “Pod Orłem”, che insieme rappresentano l’intera storia di Cracovia nel periodo nazista. Il 16 marzo 2013 è stata aperta una nuova mostra permanente per commemorare il 70° anniversario della liquidazione del ghetto di Cracovia nei locali dell’ex farmacia dal titolo “La farmacia di Tadeusz Pankiewicz nel ghetto di Cracovia”.

Plac Bohaterów Getta

Plac Bohateròw Ghetta (piazza degli eroi del Ghetto) (precedentemente Plac Zgody).
Fu luogo di concentrazione della popolazione ebraica prima del trasporto nei campi di concentramento. Al numero 18, sorgeva la farmacia “Pod Orłem” gestita da Tadeusz Pankiewicz, l’unico abitante non ebreo del ghetto.
La piazza funzionava da tempo all’interno della città di Podgórze sotto altri nomi. Il contorno della piazza apparve nella prima metà del XIX secolo su piani catastali. Era allora una piazza non sviluppata delimitata da strade che portavano al deposito del sale (attualmente l’area tra le strade: Lwowska, Targowa e Piwna). Sulla piazza c’era una scuola di equitazione (Reitschule). Probabilmente fu liquidata nel tardo 1870.
A causa della duplicazione dei nomi di Cracovia e Podgórze, fu presa la decisione di cambiare il nome della piazza. Il 16 gennaio 1917, il consiglio comunale di Cracovia approvò il cambio dei nomi di Podgòrze secondo la proposta dell’Associazione Appassionati della Storia e Monumenti di Cracovia. La piccola piazza del mercato a Podgórze ricevette il nome di Plac Zgody (Piazza dell’accordo), in riferimento probabilmente all’accordo sulla connessione delle città.

Durante la presenza del Ghetto la piazza stessa divenne il suo punto centrale. Tutti gli abitanti non ebrei furono sfollati (con l’eccezione di Tadeusz Pankiewicz).
Una stazione di polizia si trovava nell’edificio della stazione degli autobus, ora in disuso. Accanto c’era il muro del ghetto, con un profilo simile a un matzevah, le lapidi ebree. Nel muro c’era un passaggio pedonale (Cancello III), e poco più avanti c’era un cancello d’ingresso per ul. Lwowska (cancello IV). Dal lato dell’uscita dal ponte c’era una targa con l’iscrizione in tedesco e polacco – “Quartiere residenziale ebraico. I veicoli passano senza fermarsi. Ingresso e uscita dalla zona residenziale ebraica per la popolazione ebraica, non ebraica, sono consentiti solo tramite lasciapassare”.
Un prolungamento di ul. Targowa attraversava il centro della piazza fino alla porta del ghetto, dividendo la piazza in due triangoli.
Attualmente, il corso di questa strada è dettagliato dalla disposizione appropriata delle pietre della pavimentazione. Il quadrato era il principale luogo di concentrazione della popolazione prima della deportazione. Le persone venivano riunite nella parte occidentale della piazza; nella parte centrale c’erano camion carichi dei beni confiscati. La colonne, una volta formate, si avviavano poi in direzione di ul. Salinarna (oggi ul. Lwowska).

In questa piazza, il 4 giugno 1942, ebbe luogo la prima selezione nel Ghetto di Cracovia. Furono fucilate almeno 111 persone. In questa piazza avvenne pure l’ultima selezione, eseguita durante la liquidazione del ghetto, il 13 e 14 marzo 1943. I corpi degli assassinati furono sepolti in una fossa comune nel campo di Płaszów. Fino a metà dicembre del 1943 continuò lo smistamento dei beni confiscati. Le case abbandonate furono assegnate a tedeschi della città.

 

Scarica qui la guida completa di Cracovia dove in più di 400 pagine troverai soluzioni per tutte le tasche, mappe, itinerari, monumenti, ristoranti, alloggi, natura e molto altro al prezzo di un panino.

Ti è piaciuto? Aiutaci a diffonderlo!

Guida di Cracovia

GRATIS
VIEW