La collina del Wawel

Scarica la guida completa per avere a portata di mano la lista completa dei migliori posti della città con tutti i dettagli, gli indirizzi, numeri di telefono, orari, prezzi, metodo di prenotazione e leggere le recensioni di ogni posto, avvenimento e attrazione. La guida completa è disponibile su AmazonLaFeltrinelliMreBookDeaStore
La guida in formato ebook contiene anche un calendario d’eventi aggiornato mensilmente e tantissimi indirizzi utili per un totale di 286 pagine.

 

Inestimabile complesso architettonico, il Wawel, arroccato sulla sommità del colle omonimo immediatamente a sud della Città Vecchia, è di gran lunga la più importante collezione di monumenti in Polonia. Un meraviglioso concentrato d’arte prevalentemente romanica, rinascimentale e gotica che contiene una grande ricchezza di tesori dentro le sue mura fortificate, che non può non ispirare e regalare emozioni indimenticabili. Il colle ospita il Castello e e la Cattedrale molti monumenti e musei. Una visita completa può durare un giorno intero.
La storia della residenza reale inizia nell’XI secolo e si protrae, tra incendi, guerre e saccheggi, fino alla nostra epoca.
Già centro di potere politico prima della costruzione della prima cattedrale sul sito nel 1000 DC. Ricerche e reperti mostrano  che il colle  Wawel veniva già utilizzato come un castello fortificato prima del primo sovrano della Polonia, Miesko I (965-992 circa) lo scegliesse come una delle sue residenze ufficiali. Il primo re polacco incoronato nella cattedrale del Wawel fu l’allora adolescente Władysław il Breve (1306-1333) il 20 gennaio 1319, iniziando una tradizione che vedrà altri 35 principi essere incoronati fino al XVII secolo. Tutti questi re utilizzarono il castello come residenza, e tutti loro apportarono nuovi dettagli architettonici al complesso. Lo spostamento della capitale a Varsavia nel 1596, il successivo declino e la frammentazione della Polonia hanno visto il Castello Reale cadere in uno stato di abbandono. Gli occupanti austriaci lo usavano come un ospedale militare e distrussero persino diversi edifici tra cui le chiese. Nel XX secolo iniziarono i primi lavori di restauro che comunque non ebbero vita facile a causa dell’occupazione nazista durante la quale la collina reale fu adibita a sede del governatore generale nazista, Hans Frank. Il complesso del castello di oggi è un affascinante concentrato eclettico di stili tra cui il medievale, romanico, rinascimentale, gotico e barocco. Il cortile interno, con i suoi colonnati  è un vero capolavoro di architettura, ed i tesori contenuti all’interno hanno attestato Cracovia come una città di importanza mondiale.

Da via Grodzka
si può ammirare il lato est del castello del Wawel e le torri, partendo da sinistra, Jordanka, Danese e Zampa di gallina. Il quest’ultima Michał Sędziwój aveva il proprio laboratorio. Quasi tutto il Wawel è stato progettato da artisti italiani, se ne riconoscono le tracce negli accenti classici, barocchi, e manieristici.
Salendo dal lato sud, alla nostra sinistra, ci dirigiamo verso la Porta Bernardina. Le torri che ci scorrono alla nostra destra sono la torre del Senate, dell’Arcobaleno, Nobile, e Femminile. Passata la porta Bernardina, continuiamo la nostra passeggiata ammirando la torre di Sandomierz, continuando sulla sinistra si apre uno splendido panorama sul Vistola . Guardando in basso, ai piedi delle mura, si nota la statua di un drago, simbolo di una lontana leggenda di Cracovia narrante la storia di un drago che viveva nella grotta ai piedi del castello. Durante la bella stagione la grotta è visitabile e non si deve scendere giù, basta continuare la nostra passeggiata di qualche metro per trovare l’ingresso della grotta con la scritta Smoka Jama. La parte più suggestiva di questa visita è sicuramente dettata dalla fantasia e dalla forza d’immaginazione tramite la quale ognuno, in particolare ogni bambino, riesce a renderla un luogo di leggenda. Gli adulti al corrente del fatto che ospitò un bordello in tempi antichi forse avranno meno magia in proposito. Vicino all’ingresso della grotta, sulla destra, si trova la torre dei ladri e da lì si apre ai  nostri occhi il paesaggio del Wawel in tutto il suo splendore. Entrando vediamo in fondo le ex cucine reali, avvicinandoci ad esse passiamo ai lati di un giardino con i resti delle fondamenta delle chiese di San Giorgio e San Michele e della casa di Borka. I lati di questo giardino durante lil bel tempo sono abbelliti da un’infinità di fiori. Trovandoci di fronte alle ex cucine reali abbiamo sulla sinistra la cattedrale gotica del Wawel dedicata a San Stanislao e San Vacenslao.  La via tra la cattedrale e le ex cucine porta allo splendido cortile interno colonnato del castello del Wawel.
Il castello caratterizzato da una storia non semplice né serena. Appena entrati se guardate alla vostra sinistra troverete sicuramente un po’ si persone che stanno in piedi  lì all’angolo , non fanno la fila né aspettano nessuno: sono lì in quanto una leggenda dice che il quel punto si trovi uno dei sette Chakra esistenti al mondo. Si dice che questa pietra leggendaria abbia energie positive e che possa rigenerare le persone che ci stanno vicine.  Le stanze che si affacciano su questo cortile sono le Stanze del Governo e gli appartamenti reali, sono visitabili e fanno parte della serie di mostre permanenti del museo del Wawel.

 

Entrando dal lato nord
noteremo sul muro della salita diverse targhe recanti nomi di famiglie o istituzioni-sono tutte le persone che hanno contribuito al restauro generale del castello dopo la II guerra mondiale. La porta che attraversiamo si chiama Brama Herbowa (Porta dello Stemma). Appena entrati sulla destra c’è la cassa dove potete fare i biglietti per le mostre a pagamento all’interno del castello.  Passata la porta dello stemma e la cassa, sulla sinistra l’imponente statua del generale Kościuszki ci dà il benvenuto. Salendo, dietro di essa attraversiamo la porta dei Vasa e ci ritroviamo sulla sinistra la cattedrale gotica del Wawel dedicata a San Stanislao e San Vacenslao e sulla destra il museo della cattedrale.  Alla fine di questa piccola salita  si apre uno spiazzale con sulla sinistra l’edificio delle ex cucine reali e di fronte a noi, sulla destra un grande giardino con i resti delle fondamenta delle chiese di San Giorgio e San Michele e della casa di Borka. I lati di questo giardino durante la bella stagione sono abbelliti da un’infinità di fiori. La via tra la cattedrale e le ex cucine porta allo splendido cortile interno del castello del Wawel. Castello caratterizzato da una storia non semplice né serena. Appena entrati se guardate alla vostra sinistra troverete sicuramente un po’ si persone che stanno in piedi  lì all’angolo, non fanno la fila né aspettano nessuno: sono lì in quanto una leggenda dice che il quel punto si trovi uno dei sette Chakra esistenti al mondo. Si dice che questa pietra leggendaria abbia energie positive e che possa rigenerare le persone che ci stanno vicine.  Le stanze del primo piano che si affacciano su questo cortile sono le Stanze del Governo e gli appartamenti reali e fanno parte della serie di mostre permanenti del museo del Wawel.
Da non perdere anche la collezione d’arte orientale, il tesoro reale, e per i curiosi la mostra sul Wawel scomparso.
Dal campanile della cattedrale, nelle occasioni particolari, suonano i rintocchi della campana Zygmunt, la campana più pesante della Polonia con un peso di oltre 10 tonnellate. Narra la leggenda che se uno scapolo tocca, o meglio-accarezza, il battello della campana entro poco tempo troverà moglie.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *